Calciomercato Roma, linea verde per l’attacco: i nomi di Pinto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25

Calciomercato Roma, per l’attacco si segue la linea verde. Ecco tutti i nomi sul taccuino del general manager Tiago Pinto

calciomercato roma
Amine Gouiri (getty images)

Con l’addio sicuro di Dzeko, e con il riscatto di Mayoral ancora in bilico, la Roma è alla ricerca dell’attaccante del futuro. Oltre i nomi già affermati (Icardi), o di giovani che conoscono la massima serie italiana (Vlahovic e Kean), Tiago Pinto gira per l’Europa con la voglia di piazzare il colpo decisivo. Quello che tutti i direttori sportivi sognano. Belle speranze sì, ma con qualità.

Non mirino del portoghese allora ci finiscono elementi che nei propri campionati si stanno mettendo in evidenza. Sconosciuti ai più, ma non al general manager della Roma. Che vuole dimostrare davvero di saperci fare. Anche perché a gennaio ha avuto poco tempo. Arrivato in Italia con il Covid che lo ha costretto all’isolamento immediato, il dirigente avrà il suo primo vero banco di prova nella sessione estiva del calciomercato. Quella più importante e che getta le basi per il futuro.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, è la settimana decisiva | Previsti nuovi incontri

LEGGI ANCHE: Dazn, dopo i disservizi arriva l’indennizzo: le ultime

Calciomercato Roma, tutti i nomi sul taccuino di Pinto

Calciomercato Roma, conferme in mediana: ecco il prezzo
Tiago Pinto

Ed è la Gazzetta dello Sport questa mattina a fare un primo resoconto, svelando i nomi che il gm ha sul proprio taccuino. Partiamo da Amine Gouiri, in forza al Nizza, 21 anni e 16 gol in stagione (4 in Europa League). Al Lione non trovava spazio. Adesso segna con regolarità. Piace Abada Liel, 19 anni, del Maccabi Petach Tivka. Quest’ultimo è già nel giro della nazionale israeliana.

Infine c’è anche il nome in Premier League. Giovane. Forse un po’ troppo. Ma questo è. Atta Zion, promettente classe 2005 anglo-italiano del Crystal Palace. Linea verde quella seguita da Tiago Pinto. Che sa bene però di non potersi affidare ad elementi così acerbi in una squadra che vuole vincere. O almeno cercare di farlo.