Calciomercato Roma, difensore da 52 milioni | Rinforzo dalla Premier

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30

Calciomercato Roma, jolly in difesa per Mourinho? Le ultime indiscrezioni riferiscono di un interessamento per il centrale

Calciomercato Roma
Tiago Pinto

Calciomercato Roma White / L’avventura di Mourinho sulla panchina della Roma non è ancora cominciata, ma i giallorossi stanno cominciando a pianificare una stagione che si spera possa rilanciare le ambizioni di una squadra apparsa troppo discontinua sotto la gestione Fonseca.

Uno dei reparti che molto probabilmente verrà puntellato sarà la difesa: lo Special One avrebbe chiesto almeno un centrale affidabile, alla luce della sempre più probabile partenza del “comandante” Fazio. Le ultime indiscrezioni rilanciate dal The Sun riferiscono di un interessamento dei capitolini per Ben White, forte centrale di proprietà del Brighton, valutato dalla compagine inglese circa 45 milioni di sterline ( grossomodo 52 milioni di euro).

Leggi anche –> Calciomercato Roma, Mou fa sul serio | Assalto allo svincolato

Il difensore piace molto anche a Psg, Arsenal, Manchester United e al Borussia Dortmund: per la Roma la strada è dunque in salita, ma si tratta di uno degli obiettivi principali sulla lista stilata dal tecnico portoghese per cercare di fare il salto di qualità anche nel reparto arretrato.

White alla Roma, calciomercato: asta internazionale per il difensore

Mourinho
Mourinho ©GettyImages

White è stato uno dei protagonisti della storica promozione del Leeds in Premier: il Loco Bielsa ha fatto tutto il possibile per cercare di trattenerlo, ma il Brighton, club proprietaria del cartellino, decise di rifiutare i quasi 30 milioni messi sul piatto dalla neopromossa. Scelta che si è rivelata vincente, dal momento che il prezzo del suo cartellino è sensibilmente aumentato.

Leggi anche –> Calciomercato Roma, cessione bloccata | I Friedkin dicono no

Si preannuncia dunque una vera e propria asta internazionale per White: anche la Roma proverà a dire la sua, ma la sensazione è che a quelle cifre, l’impresa sia al limite dell’impossibile.