Roma, Mourinho ha un piano B | Ecco la svolta tattica

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28

Roma, Mourinho deve fare di necessità virtù e ha un piano B. Ecco la mossa tattica, sempre in attesa del centrocampista

Pellegrini
Lorenzo Pellegrini ©Getty Images

Manca il centrocampista. Quello richiesto da Mourinho che ipoteticamente dovrebbe affiancare Veretout in mezzo al campo. Saltata quasi definitivamente la trattativa Xhaka, Tiago Pinto valuta le alternative rimaste allo svizzero. I nomi sono due, come già ampiamente riportati in questi giorni: Anguissa e Koopmainers. Ma Pinto ha chiesto tempo allo Special One, visto che c’è praticamente una squadra, in esubero, che al momento si allena a Trigoria. 

Senza cedere qualcuno, difficilmente il general manager giallorosso potrà intervenire sul mercato per regalare quell’elemento che Mou ha richiesto all’inizio della stagione. E, nel frattempo, l’ex allenatore del Tottenham, sta cercando di fare di necessità virtù per sopperire – spera ovviamente in maniera momentanea – alla manca del regista lì in mezzo al campo.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, c’è una squadra in esubero | I problemi di Pinto

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, partito il dopo Messi | Occhi su Trigoria?

Roma, la svolta tattica di Mourinho

José Mourinho ©Getty Images

Ecco allora che Mou ha iniziato anche a pensare ad un piano B. Magari da sfruttare a gara in corso. Così, nell’ultima amichevole fino al momento disputata – quella contro il Belenenses – nella seconda parte della stagione, non è passato inosservato (spiega questa mattina la Gazzetta dello Sport) l’arretramento di Pellegrini. Potrebbe diventare una soluzione al problema, magari poi cercando di mettere alle spalle di Dzeko – che continuerà ancora a giocare in giallorosso nonostante l’Inter ci potrebbe pensare per il dopo Lukaku –  Mkhitaryan.

Si deve pensare a tutto in questo momento della stagione. Studiare le soluzioni, i possibili pro e i contro che ci possono essere muovendo qualche pedina in mezzo al campo. E Mourinho, in queste situazioni, molto spesso si esalta. Anche se, ovviamente, sperava di poter abbracciare Xhaka.