Calciomercato Roma, Pinto si arrende | “No a tutte le offerte”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:36

Dopo un calciomercato scoppiettante, che ha visto la Roma primeggiare in Italia, per Tiago Pinto è arrivato il momento di arrendersi ad una grana esasperante.

Tiago Pinto © Asromalive.it

La Roma è stata assoluta protagonista del calciomercato estivo, prima in Serie A per investimenti, come la nostra redazione ha analizzato. I giallorossi non hanno badato a spese, affidandosi al tandem portoghese. Tiago Pinto ha lavorato in totale sintonia con Josè Mourinho, cercando di accontentare il tecnico su ogni profilo selezionato dallo Special One.

Leggi anche: Calciomercato Roma, l’ex esce allo scoperto | “Non mi sono piaciute tante cose”

Se in certi casi le trattative sono filate via lisce, vedi Rui Patricio e Tammy Abraham, per altri versi ci sono state parecchie grane per il GM. Non solo il nuovo centrocampista non è arrivato, non si è risolta del tutto l’annosa grana esuberi. Sono ancora tre i calciatori fuori rosa, che si allenano a parte a Trigoria, uno in particolare ha alzato un vero e proprio muro, rifiutando ogni sorta d’offerta.

Leggi anche: Roma, la festa non è per tutti | C’è un caso spinoso per Mourinho

Niente speranze per Tiago Pinto, Nzonzi resta a Roma

Steven Nzonzi ©Getty Images

Riflettori accesi su Steven Nzonzi, il francese non ha alcuna intenzione di muoversi da Trigoria. Come riportato nell’edizione odierna de “Il Tempo”, il mediano ha rifiutato ogni proposta pervenuta alla società giallorossa, dall’inizio del mercato. Un vero e proprio muro tirato su dal calciatore e dal suo entourage, che ha rispedito al mittente un’offerta dopo l’altra. L’unico modo per liberarsi del suo pesante ingaggio, 4 milioni di euro, sarebbe stato via buonuscita, in ogni caso un salasso per le casse giallorosse. Nell’ordine il centrocampista ha detto al Benfica, al Lille e all’esperienza in Qatar. Ora rimane ad allenarsi individualmente, al pari di Santon, Fazio ed il giovane Riccardi. Nessuna speranza di vederlo partire dunque, tutto rimandato alla sessione invernale.