Roma, paragone col Napoli | Il pronostico di Bergomi lascia di stucco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:14

Beppe Bergomi dice la sua sulla sfida tra Roma e Napoli nel corso della stagione e sulle chance delle due squadre di vincere un trofeo. 

Calciomercato Roma
Jose Mourinho ©Getty Images

L’avvio di stagione con diverse squadre al vertice lascia immaginare che il Campionato 2021/22 possa essere più combattuto ed aperto di quanto visto negli ultimi anni. Tanto per il titolo nazionale quanto per le competizioni europee le squadre italiane che possono ambire ad alzare un trofeo durante l’anno sono diverse. Certamente è possibile che con il passare dei mesi non tutte riescano a confermare l’ottima partenza messa in mostra. Per il momento però i giochi sembrano più aperti che mai. La Serie A è comandata dopo tre giornate da un terzetto di squadre a punteggio pieno: Roma, Milan e Napoli. E se i rossoneri sono reduci da un secondo posto, giallorossi e partenopei sembrano essersi fortemente rilanciati in questa stagione.

Proprio delle prospettive di queste due squadre si è discusso a lungo negli studi di Sky Sport.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, rinforzo in arrivo | Lo vuole Mourinho

LEGGI ANCHE: Verona-Roma, tre big saltano il match

Roma e Napoli chi vince un trofeo? | Il parere di Beppe Bergomi

beppe bergomi
Beppe Bergomi ©GettyImages

Interpellato sul cammino di Roma e Napoli anche Beppe Bergomi ha voluto dire la sua sulle possibilità di vittoria in questa stagione per le due squadre. “Il Napoli mi pare più pronto della Roma” ha affermato l’ex difensore dell’Inter. “Il mio pronostico è che Victor Osimhen inciderà di più degli attaccanti della Roma e il Napoli arriverà più in alto“. Di avviso simile anche il giornalista Matteo Marani che pur sottolineando il grande ruolo svolto nelle due piazze da José Mourinho e Luciano Spalletti vede gli azzurri leggermente più avanti dei giallorossi: “Il Napoli ne ha di più. E’ lì da più tempo“, ha affermato Marani. Parole che certamente non faranno piacere ai tifosi giallorossi. Ma che al contrario potrebbero far gioco a José Mourinho per lavorare a fari spenti e senza troppe pressioni sulla squadra.