Roma, Mourinho ha un altro dubbio | Affaticamento muscolare, pronto il sostituto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:45

Roma, il calendario è fitto e l’allenatore Mourinho in vista della trasferta di Verona ha un altro dubbio di formazione da risolvere.

Roma
José Mourinho ©Getty Images

Le prime sei uscite ufficiali della Roma di José Mourinho hanno fornito diverse informazioni chiare sulla squadra giallorossa. Il tecnico portoghese ha già dato una forte identità e una forma ben precisa all’undici romanista, che è sceso in campo quasi sempre con gli stessi effettivi. Poche le turnazioni fin qui messe in atto dallo Special One che ancora giovedì sera, dopo la vittoria in Conference League sul Cska di Sofia, sottolineava come la differenza tra la Roma ed altri top club sia nella qualità dei giocatori in panchina. Un discorso che riguarda in particolare alcuni ruoli: non è un mistero che Mourinho non si fidi di Reynolds come sostituto di Karsdorp. Discorso simile per Diawara e Villar: i due mediani di ricambio non soddisfano le aspettative dell’allenatore.

Ma l’insoddisfazione di Mourinho non riguarda certamente tutte le “seconde linee” giallorosse. Sono diversi infatti i giocatori che, pur giocando meno in questo inizio, si sono messi in evidenza con buone prestazioni.

LEGGI ANCHE: Hellas Verona-Roma, le scelte di Mourinho | La probabile formazione

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, Mourinho semina indizi | Pronti 10 milioni

Roma, ricambi in rampa di lancio | El Shaarawy insidia Mkhitaryan

Stephan El Shaarawy ©Getty Images

Tra questi possiamo sicuramente inserire Chris Smalling – frenato da un infortunio a inizio stagione ma a tutti gli effetti titolare aggiunto della difesa giallorossa – e Carles Perez. Ma chi più ha impressionato partendo dalla panchina è sicuramente Stephan El Shaarawy. Il Faraone si è messo a disposizione di José Mourinho mostrando grinta e abnegazione in allenamento. Elementi che si sono poi tradotti in ottime prestazioni negli spezzoni di gara disputati: la rete in pieno recupero contro il Sassuolo rappresenta già uno degli snodi decisivi di questo avvio di campionato. “Lui sa che è un titolare, che non sono solo 11, sa di essere un giocatore molto importante”, ha detto di lui Mourinho, confermando quanto punti su di lui.

Tra l’altro Mkhitaryan è vittima di un affaticamento muscolare e le sue condizioni verranno monitorare oggi. Nulla di grave, ma potrebbe riposare ancora. Aumentano così le possibilità di vedere ancora titolare al suo posto Stephan El Shaarawy.