Calciomercato Roma, rottura totale | Addio immediato

Ennesimo indizio di mercato in casa Roma, neanche nella gara di Conference League c’è posto per lui. La bocciatura è definitiva, l’addio immediato.

José Mourinho ©GettyImages

Non si contano più gli indizi di mercato in casa Roma su diversi giocatori, ormai ai margini del progetto giallorosso. Il tecnico portoghese ha deciso per l’ennesima bocciatura, stavolta in occasione della gara di Conference League. I giallorossi sono in campo contro lo Zorya Luhansk, per la seconda giornata del gruppo C. Era previsto un ampio turnover tra i giallorossi, ma non c’è stato posto neanche stavolta per diversi papabili titolari.

Leggi anche: Florenzi torna a Roma: allarme Milan, non c’è pace per l’ex giallorosso

Almeno quattro le bocciature clamorose in Ucraina, trasferta dove non sono partiti Karsdorp e Veretout. Tra gli undici titolari non si è visto Reynolds, il laterale statunitense è stato sorpassato anche stavolta da Ibanez. Scelta clamorosa sulla mediana, col titolare francese a riposo a Trigoria, è stato scelto Darboe. Esordio assoluto in stagione per lui, con Diawara e Villar ancora relegati in panchina. L’ultima bocciatura, che sembra anticipare un addio scontato a gennaio, riguarda il fronte d’attacco giallorosso.

Leggi anche: Calciomercato Roma, accordo rivoluzionato | La mossa che non ti aspetti

Ennesima bocciatura per Mayoral, addio a gennaio

Borja Mayoral ©GettyImages

Parliamo di Borja Mayoral, per la punta spagnola non c’è spazio nella Roma di Mourinho. Anche oggi è rimasto a guardare dalla panchina, con Abraham a riposo il tecnico ha deciso di schierare Shomurodov prima punta. Secondo quanto raccolto dai colleghi di Calciomercato.it, la strada verso l’addio a gennaio è tracciata. Gli indizi ormai sono innumerabili, nonostante lo stesso Mou in conferenza stampa avesse elogiato le qualità dell’attaccante. Il Real Madrid, proprietario del cartellino, cerca una soluzione per farlo giocare di più, finora neanche 30 minuti in stagione per lui. Dunque la soluzione sarebbe quella del prestito fino a giugno 2022, in una squadra che gli assicurerebbe un minutaggio decisamente diverso.