Mourinho sotto attacco, grave accusa dalla Spagna

Terza sconfitta stagionale per la Roma di Mourinho, che esce a testa alta da Torino. Contro il tecnico portoghese arriva una nuova accusa dalla Spagna.

Lo Special One stavolta è uscito sconfitto dal campo della Juventus, ma non arreso. I giallorossi hanno condotto una gara tenace, condizionata irrimediabilmente dagli errori del fischietto Orsato. Mentre il tecnico portoghese è già impegnato a preparare la prossima gara della Roma, dalla Spagna piove una grave accusa nei suoi confronti.

Josè Mourinho ©Getty Images

E’ il giorno della rabbia in casa Roma, dopo l’arbitraggio che ha spostato non poco gli equilibri nella gara di ieri. I giallorossi escono dall’Allianz Stadium senza nessun punto, ma a testa alta. La vittoria di misura della Juventus è stata quanto meno facilitata da un arbitraggio gravemente insufficiente. Una nuova accusa prova a gettare benzina sul fuoco in casa Roma, lo Special One viene attaccato dalla Spagna.

Leggi anche: Calciomercato Roma, Pinto ha fretta | A gennaio l’innesto

Parole durissime nei confronti del tecnico portoghese, un’accusa decisamente grave contro lo Special One. Dalle colonne di El Pais, quotidiano di Madrid, ci ha pensato tale Daniel Verdú ad attaccare il tecnico giallorosso. Un’accusa che tira in ballo una sorta di “trauma” che Mou avrebbe sviluppato nei confronti del paese iberico.

Leggi anche: Juventus-Roma, terremoto Orsato | La clamorosa decisione dell’AIA

Grave attacco contro Mou, accuse dalla Spagna

Il giornalista spagnolo punta il dito contro la gestione del tecnico, reo secondo lui di non aver dato alcun spazio ai calciatori di nazionalità spagnola. Una sorta di campanilismo iberico unito ad accuse davvero pesanti nei confronti dell’allenatore lusitano.

Ecco l’accusa, a dir poco paradossale, mossa nei confronti del mister: “Molti psicoanalisti pagherebbero una fortuna per far sedere Mourinho sul loro divano per 50 minuti. Per sapere come diavolo funziona la testa di un personaggio a tratti travagliato, malinconico, narcisista ed egocentrico. Un ragazzo odioso e allo stesso tempo accattivante, eroico, nella sua ostinata scorrettezza politica. Non è necessario rivolgersi a Freud, però, per rilevare un trauma radicato: la Spagna.” Sotto la lente d’ingrandimento le differenze tra la Roma dello scorso anno e quella a guida Mou, secondo il quotidiano spagnolo la lista dei giocatori fatti fuori perchè spagnoli è la seguente: Pedro, Borja Mayoral, Villar, Carles Pérez e Pau López. Un accusa che suona davvero paradossale e di cui avremmo volentieri fatto a meno.