Roma, le ultime sulle condizioni di Cristante

Roma, questi gli ultimi aggiornamenti relativi alla situazione di Bryan Cristante.

Il numero 4 è stato uno dei giocatori maggiormente impiegati in questa prima parte di stagione. Sin dal suo arrivo, pur palesando difficoltà legate ai non pochi cambiamenti cui è dovuto adattarsi rispetto alla sua posizione a Bergamo, si è sempre distinto per un grande eclettismo e predisposizione al sacrificio.

Roma
Bryan Cristante ©LaPresse

 

 

 

 

Molti giallorossi, non a caso, ricorderanno gli encomi rivoltigli da Daniele De Rossi, in occasione della sua conferenza stampa d’addio. Lo storico numero 16 capitolino, tra i vari, citò proprio l’ex nerazzurro, esaltandone intelligenza e disponibilità. Dal suo arrivo, Bryan, che inizialmente sembrava poter essere destinato a ricoprire il vuoto lasciato dalla sortita di Nainggolan, ha ricoperto numerose posizioni, giocando anche in difesa.

Il sistema a tre proposto lo scorso anno da Fonseca lo ha visto, infatti, sovente al centro tra i due “braccetti”, con la finalità di sfruttarne la qualità per la non poco ricercata costruzione dal basso voluta dal portoghese. Con “Mou”, Cristante ha ricoperto  quasi sempre la posizione in mediana, garantendo una pressoché felice coesistenza a Jordan Veretout.

LEGGI ANCHE: ASRL | Calciomercato Roma, torna di moda una pista a sorpresa

Roma, le ultime sulle condizioni di Bryan Cristante

Roma
Bryan Cristante ©LaPresse

 

Le qualità del su citato, unitamente alla poca profondità vantata da Mourinho in mediana, lascia facilmente intuire il motivo per il quale le sue condizioni di salute preoccupino di non poco l’ambiente tutto. Quest’ultimo è ben consapevole dell’importanza del giocatore, costretto al forfait sin dalla trasferta di Genova a causa della positività al coronavirus.

Ad oggi, Cristante risulta ancora positivo e, se sicuramente non ci sarà per Bologna-Roma, in programma domani, mercoledì 1 dicembre, si riducono anche le possibilità di vederlo scendere in campo sabato prossimo contro l’Inter. Dopo 10 giorni non si è ancora negativizzato. E a Roma, intanto, piove sul bagnato.