Emergenza Covid, UFFICIALE | Serie A: il nuovo regolamento

Emergenza Covid, adesso è ufficiale. La Serie A ha preso posizione: tutto quello che c’è da sapere.

Le ultime settimane, non solo a livello calcistico, sono state tristemente contraddistinte da un repentino aumento dei casi. Importante l’impatto avuto dalla vicenda anche nel mondo dello sport, come testimoniato da numerosi focolai verificatesi in cadetteria ma anche tra le fila della Serie A.

Emergenza Covid
Pallone Serie A ©LaPresse

I clusters più importanti sono quelli che interessano Salernitana, Udinese, Torino e Bologna e hanno causato il rinvio di ben tre gare per questa prima giornata del 2022 e de girone di ritorno. In attesa di novità per Juventus-Napoli, in seguito all’emersione di altri casi, arriva intanto la presa ufficiale da parte della Lega. Prima di riportarla, giusto però rassicurare i tifosi giallorossi.

Come infatti raccontatovi in queste ore, gli ultimi responsi lasciano intendere come ci siano tutti i presupposti per assistere alla delicata sfida di San Siro tra Pioli e Mourinho.

 

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, viste e firma | Domani in città

Emergenza Covid, la presa di posizione UFFICIALE della Serie A

Emergenza Covid
Stadio Coronavirus ©LaPresse

Stando alle ultime disposizioni della Lega, infatti, riportiamo di seguito quanto ponderato circa la gestione di questa infelice situazione avente il dissapore di un deja-vù visto già molte volte.  Si legge nel comunicato “Lega Serie A ha deliberato di disporre, in via transitoria, eccezionale e limitatamente alla corrente stagione sportiva 2021 /2022 le seguenti regole per le ipotesi di positività al virus SARS-CoV-2 dei calciatori dei Club partecipanti alle Competizioni organizzate dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A”.

L’aspetto più importante è il seguente. In caso di positività, una squadra potrà scendere in campo avendo a disposizione almeno tredici giocatori, tra cui un portiere, tra la prima squadra e la Primavera, purché negativi a un tampone effettuato alla mezzanotte prima della sfida. Nel caso in cui questo non sia possibile, la Lega delibererà di conseguenza. Se ciò non sarà possibile,ma la squadra interessata pur disponendo di almeno 13 giocatori non si presenterà in campo, scatteranno le sanzioni previste dall’articolo 53 delle NOIF. Vale a dire la sconfitta per 0-3.