Roma, Donadoni: “Allenare Pellegrini è il sogno di qualsiasi tecnico. Mourinho e Zaniolo, la penso così”

Parla di Roma Roberto Donadoni, rivolgendosi direttamente a Mourinho. Ecco cosa pensa del momento attuale l’ex Milan e l’annuncio su Pellegrini.

Roberto Donadoni parla a ruota libera della situazione attuale della Roma. L’ex Milan si rivolge direttamente a Josè Mourinho, tracciando un bilancio sui calciatori più importanti della rosa giallorossa. Ecco le parole di Donadoni, intervistato da Il Messaggero.

Roma Pellegrini Mourinho
Lorenzo Pellegrini ©LaPresse

La Roma sta vivendo un mese di gennaio molto importante, tra campo e calciomercato invernale si va disegnando una nuova rosa da qui alla fine della stagione. In attesa del terzo rinforzo della sessione di mercato di riparazione, occhi su Tiago Pinto, arrivano le parole di Roberto Donadoni. L’ex Milan, e commissario tecnico della Nazionale, parla a ruota libera del momento dei giallorossi, riservando un annuncio speciale sul capitano, Lorenzo Pellegrini. Non mancano pareri sul tecnico Mourinho e sul numero 22 della Roma, Nicolò Zaniolo.

Leggi anche: Calciomercato Roma, assist dall’Inter | Nuova pista in Serie A

Roma, Donadoni a ruota libera su Mourinho, Zaniolo e Pellegrini

Roma Mourinho Pellegrini
Roberto Donandoni ©LaPresse

Si parte da Zaniolo ed il suo ruolo in Nazionale: “Può essere sicuramente fondamentale, se avrà la fortuna di non subire più incidenti gravi. È un patrimonio del calcio italiano, di un livello sopra la media: ha doti da campione, ma affermarsi a grandi livelli dipende solo da lui. Deve convincersi. Questo significa fare grandi sacrifici.”

L’annuncio su Lorenzo Pellegrini: “È un giocatore dotato, con carattere e una personalità estremamente positiva. Non si risparmia mai, emerge che ha grande passione e che punta a scendere sempre in campo. La sua determinazione certifica la sua personalità. Come allenatore amo i calciatori che danno tutto e ai quali bisogna dire calma. Allenare giocatori come Pellegrini è il sogno di qualsiasi tecnico.”

Su Josè Mourinho: “Quando si lavora e si intraprende un cammino nuovo, in una realtà diversa, è normale trovare pregi e difetti. Bisogna avere la costanza e la voglia di lavorare. Solo attraverso l’impegno e le competenze si può ottenere qualcosa, e non per grazia ricevuta. Il nome altisonante amplifica le aspettative dei tifosi: c’è grande attenzione e credibilità, che però bisogna confermare.”