Roma, continua la rivoluzione Friedkin: poker di addii

Quarto addio a stretto giro in casa Roma. Porte girevoli nel quartiere generale giallorosso, continua la rivoluzione Friedkin.

Poker di addii in casa Roma, va avanti la rivoluzione Friedkin all’interno dei quadri societari della squadra giallorossa. Dopo Maurizio Costanzo e Morgan De Sanctis è tutto fatto per un doppio divorzio, ecco chi lascerà il quartier generale della As Roma.

Roma Friedkin
Dan e Ryan Friedkin ©LaPresse

Porte girevoli in casa Roma, quarto addio nel giro di poche settimane nei quadri dirigenziali giallorossi. Tutto iniziò con il saluto definitivo a Maurizio Costanzo, l’esperto giornalista ha lasciato il posto da advisor esterno della comunicazione in casa giallorossa. Dopo è stato il turno di Morgan De Sanctis, l’ex portiere giallorosso ha risolto consensualmente il contratto che lo legava ai giallorossi da diverse stagioni. Di questi giorni la notizia dell’addio di Francesco Calvo, pronto a tornare alla Juventus. Ma la rivoluzione non si è arrestata, dopo l’addio al consulente societario spunta un nuovo saluto definitivo nei quadri societari.

Roma, continua la rivoluzione Friedkin: poker di addii

Roma Friedkin
Stadio Olimpico ©LaPresse

La rivoluzione dei Friedkin continua, quarto addio nell’arco di poche settimane in casa Roma. Come rivelato dal sito Romanews.eu non solo Calvo lascia la poltrona da consigliere dei Friedkin. Nei giorni scorsi si è concretizzato il quarto addio a stretto giro di posta, calato il poker di saluti in società. A fare le valigie stavolta è stato Fabrizio Zanoni, addetto alle relazioni istituzionali in casa giallorossa. Arrivato in società appena un anno fa, direttamente dal gabinetto dell’allora Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Ex Ministro che oggi riveste il ruolo di Sindaco di Roma, la società giallorossa si sta interfacciando proprio col primo cittadino per risolvere l’annosa questione legata al nuovo stadio di proprietà. Fabrizio Zanoni lascia per intraprendere una nuova avventura professionale, sancendo il quarto addio societario nel giro di poche settimane in casa Roma. Porte girevoli nell’As Roma, poker di addii che sanno di nuova rivoluzione, ancora una volta targata Friedkin. In attesa di capire se e da chi verranno sostituite queste figure societarie, la proprietà statunitense si gode ancora quanto di bello visto nello scorso derby contro la Lazio.