Calciomercato Roma, doppia chiamata per convincere Abraham

Calciomercato Roma, Tammy Abraham svela un doppio retroscena sul suo passaggio alla squadra giallorossa. Ecco le parole del numero 9.

Nuova dichiarazione d’amore per i colori giallorossi da parte di Tammy Abraham. La punta inglese, entrata nei cuori dei tifosi della Roma, ha rilasciato una lunga intervista al The Athletic. Tra i tanti punti toccati il ritorno in Inghilterra con la maglia giallorossa ed una nuova dichiarazione d’amore nei confronti di Josè Mourinho e la squadra giallorossa.

Abraham Roma
Tammy Abraham ©LaPresse

Tammy Abraham suona la carica, mentre la Roma è attesa dal primo atto delle semifinali della Conference League. Giallorossi in Inghilterra per affrontare il Leicester, la squadra di Brandon Rodgers è l’ultimo ostacolo per raggiungere la finale di Tirana. Riflettori puntati sull’attaccante inglese, grande protagonista stagionale nel primo anno di Josè Mourinho. Anche a lui sono affidate le speranze di passaggio in finale, il numero 9 finora ha realizzato 24 reti in 44 giornate, ecco le sue parole rilasciate al The Atlethic.

Calciomercato Roma, doppia chiamata per convincere Abraham

Roma Abraham
Abraham e Mourinho ©LaPresse

Si parte dall’incredibile impatto avuto con i tifosi giallorossi: “È un club incredibile. Mi sembra di aver avverato un sogno. Da quando ho messo piede in questo posto, tutti mi hanno fatto sentire a casa.” L’attaccante ex Chelsea ha rimarcato l’incredibile legame che lo lega alla tifoseria giallorossa: “Rispetto al Chelsea, qui mi guardano con occhi diversi. Non sono più ‘il giovane dell’academy’: alla Roma mi hanno fatto diventare una star.” Il retroscena sulla scorsa campagna acquisti: “Su di me c’erano diversi club, tra cui anche l’Arsenal. Poi sono arrivati Mourinho e Tiago Pinto: ho parlato con loro e ho capito l’ambizione del club e quanto mi volessero. Roma era il posto giusto per me.”

Ecco come lo ha convinto Mourinho a raggiungerlo a Trigoria:  “Mi disse: ‘Tammy, vuoi rimanere nella piovosa Inghilterra o goderti il sole a Roma? Abbiamo riso e discusso piacevolmente. Ha giocato un ruolo importantissimo nella mia scelta per venire qua. Lo chiamo il mio ‘zio italiano.”  Sul derby vissuto da protagonista: “Significava tutto per i tifosi: non immagini quante telefonate e quanti messaggi ho ricevuto prima della partita, con gente che mi fermava per strada per parlarne.” Infine l’ultimo retroscena sul passaggio alla Roma, fondamentale la chiamata di un inglese: “E’ bello avere accanto persone che conosco dall’Inghilterra. Ho parlato con Chris (Smalling) prima di arrivare e luì mi ha detto: ‘E’ un buon club e sarà una buona esperienza per te’. Mi ha incoraggiato.’