TV PLAY | Juventus, l’annuncio del medico: “Ecco quando rientra Di Maria”

Infortunio Di Maria e diverse gare a rischio, inclusa quella con la Roma. Arrivano nuove conferme circa le condizioni dell’attaccante argentino.

In casa bianconera l’argomento di maggiore interesse dopo la gara con il Sassuolo interessa sicuramente la questione Di Maria. La prima gara con la casacca sabauda del Fideo è stata caratterizzata da un saliscendi di emozioni. In meno di trenta minuti, gol a parte, Angel ha sciorinato tutto il proprio talento, dando ampia dimostrazione delle sue innate e indiscutibili qualità che non poco potranno servire nel corso della stagione per ovviare alle plurime sortite registratesi durante questo calciomercato.

Juventus-Roma
Angel Di Maria ©LaPresse

Alla grande gioia ed entusiasmo hanno però fatto seguito i timori e le preoccupazioni in seguito alla sua uscita dal campo nel secondo tempo, a causa di un infortunio che ha sin da subito tenuto col fiato sospeso i tifosi. Consapevoli della centralità del giocatore e anche ben memori delle tante difficoltà che hanno preceduto il suo arrivo, questi ultimi hanno ricevuto oggi aggiornamenti non proprio confortanti.

In mattina, Di Maria si è infatti sottoposto agli esami strumentali, cui ha fatto seguito il comunicato ufficiale della Juventus. A quest’ultimo sin sono poi aggiunte le informazioni giunte nel pomeriggio odierno, da considerare in commistione a quanto da poco annunciato dall’ex responsabile dell’area medica Juventus, il dottor Fabrizio Tencone. Questo il suo intervento ai microfoni di TV PLAY di Calciomercato.it circa le condizioni di Di Maria e non solo.

TV PLAY | Il dottor Tencone fa il punto su Di Maria

Fabrizio Tencone
Fabrizio Tencone ©Calciomercato.it

Sulla questione infortuni, affrontata genericamente, così Tencone. “Per ridurre gli infortuni, bisogna allenarsi di più e non di meno. Fino a qualche tempo fa si pensava che l’ideale fosse non caricare tanto ma la scienza ha ultimamente dimostrato il contrario. Il rischio maggiore non è l’allenamento intenso quanto i picchi di allenamento. Si è visto in generale che sono questi picchi ad aumentare gli infortuni, non le intensità mediamente alte“.

Non è mai facile poi contare bene gli infortuni, visto che ci sono due modi. Il primo è numerico, l’altro riguarda il peso che ogni singolo infortunio ha. Questo perché l’obiettivo è quello di avere a disposizione il massimo numero di giocatori durante gli allenamenti, in percentuali mediamente superiori al 90%“.

Fattori di rischio. “Quello che si sa per certo è che l’età rappresenta un fattore che determina il rischio di infortunio, in qualsiasi sport. Più sei anziano più aumenta, dal momento che il rischio più alto riguarda l’essersi già infortunato in una determinata zona del corpo. L’unica cosa certa che sappiamo è che l’aumentare dell’età aumenta i rischi di infortunio“.

Su Di Maria. “Il comunicato dice che l’infortunio è al muscolo interno della coscia che è delicato ma non tra i più delicati. Fosse stato ai flessori, sarebbe stato ancora più delicato. Si tratta di una lesione di primo o massimo secondo grado, quello che nelle prognosi registriamo come richiedente meno di un mese”.

E ancora. “Per dieci giorni starà a riposo, guarirà e poi con la seconda valutazione si comprenderà se iniziare a spingere o continuare ad essere cauti. La prognosi dovrebbe essere di massimo 25-30 giorni”. 

Infine: “In campo entri molto spesso con qualche fastidio o dolorino, è impossibile pensare di giocare solo quando ti senti benissimo. Molti giocatori, non solo Di Maria e non solo quelli della Juventus, entrano in campo con qualche problemino e non considero un errore l’averlo fatto giocare ieri nonostante accusasse qualche dolorino già prima della gara“.