Riapertura stadi, l’annuncio: “Pronto nuovo protocollo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:23

Riapertura stadi, il ministro Spadafora ha annunciato che domani dovrebbe essere approvato un nuovo protocollo che garantirà l’accesso agli impianti a più persone

calciomercato Roma
@ getty images

“Il calcio senza pubblico non ha motivo di esistere”. Una vecchia frase che a causa dell’emergenza Coronavirus è diventata purtroppo di nuovo attuale. E’ inutile negarlo, dopo la ripresa del campionato post lockdown gli spalti vuoti offrono uno scenario davvero desolante, che di conseguenza fa scemare l’interesse anche per l’evento sportivo in se stesso.

“Mala tempora currunt”, dicevano gli antichi , bisogna quindi abituarsi e avere fiducia. Fortunatamente qualche spiraglio si intravede all’orizzonte. I mille spettatori ai quali è stato permesso assitere ad alcuni match della prima giornata di campionato, rappresentano già una speranza per il futuro.

Inoltre il Governo si sta organizzando per permettere al maggior numero possibile di persone, di accedere agli impianti sportivi.

LEGGI ANCHE >>> Verona-Roma, ricorso: Poche speranze di vittoria

LEGGI ANCHE >>> Rivoluzione Roma, al via il piano di rinnovo dei Friedkin

Riapertura stadi, le parole di Spadafora

coronavirus
Vincenzo Spadafora (Getty Images)

Una conferma in questa direzione, è arrivata dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora. Durante il question time alla Camera, il titolare del dicastero ha infatti annunciato: “Domani dovrebbe essere approvato all’unanimità dalla Conferenza delle Regioni un nuovo protocollo per una graduale riapertura degli stadi, che poi verrà sottoposto venerdì al Comitato tecnico scientifico per la riapertura graduale e in sicurezza di tutte le competizioni sportive, non solo del calcio.”

Spadafora ha inoltre aggiunto: “L’obiettivo del nostro ministero e di tutto il governo e di riavere gli stadi e gli impianti sportivi aperti, ma in sicurezza e rispettando delle regole. Vediamo che in altri Paesi, come Gran Bretagna o Francia, la situazione è ben diversa, con stadi chiusi probabilmente fino a primavera”.

Una svolta importante, che potrebbe quindi dare la possibilità a molti tifosi di poter assistere dal vivo alle partite.