Roma, questione stadio, parla il progettista Schiavone: “Si può fare”

Roma, tiene banco quotidianamente la questione stadio. A “La Repubblica” ha parlato il progettista Schiavone: “Task force per il Flaminio”.

Calciomercato Roma, arriva anche la firma di Bove
Dan Friedkin (Getty Images)

L’architetto Mauro Schiavone, che ha firmato nel 2014 il piano di fattibilità per la riqualificazione dello stadio Flaminio, ha concesso un’intervista a “La Repubblica”: “Bisognerebbe mettere su un tavolo di coordinamento tra Coni, Comune, società, eredi di Pier Luigi e del figlio Antonio Nervi, i progettisti, una task force che prenda in mano la situazione. I vincoli sono superabili”.

Il problema potrebbe essere quello dell’aumento dei posti a sedere, che stravolgerebbe tutto l’impianto: “Ma non sarà così, basta ricordare che per le gare del Sei Nazioni di rugby si sono aggiunte gradinate temporanee per portare i posti da 30mila a 40mila. E si potrebbe installare una struttura esterna che lascerebbe invariata la forma dell’edificio esistente”.

LEGGI ANCHERoma, questione stadio: con la nuova legge si pensa al Flaminio

Roma, anche la questione parcheggi sembra superabile

Calciomercato Roma Europa League
Lo Stadio Olimpico (Getty Images)

“In tutta l’area a partire da piazzale Ankara, il nodo di scambio con via Salaria, Cassia e Flaminia offre 1750 posteggi”. Che sicuramente sono insufficienti per i tifosi, ma Schiavone ha spiegato che “da piazza del Popolo, dove arrivano metropolitana e treni da Viterbo, il percorso a piedi è meno di mille metri”.

“Senza dimenticare – ha concluso – che all’Olimpico a poca distanza non ci sono tanti parcheggi. Ma intorno, specialmente sul Lungotevere, gli spettatori delle partite hanno sempre trovato dove lasciare la macchina”.

LEGGI ANCHERoma, Magliaro: “Lo stadio si farà a Tor di Valle”