Calciomercato Roma, doppio incontro per Pinto: ultimo ostacolo

Calciomercato Roma, Tiago Pinto prepara l’affondo finale e rimane un ultimo ostacolo. C’è stato anche il doppio incontro per la firma

Sono giorni di fuoco per Tiago Pinto, distante dal ritiro estivo della Roma in Portogallo. Il general manager sta lavorando senza sosta su entrambi i fronti del calciomercato estivo. In entrata la pista più calda riguarda il futuro di Paulo Dybala, con la suggestione giallorossa che prende sempre più piede. Ma il lavoro del dirigente ex Benfica si concentra anche sul fronte delle cessioni, c’è stato il doppio incontro per l’addio definitivo. Manca un solo ostacolo per la firma nero su bianco.

calciomercato Roma
Josè Mourinho e Tiago Pinto

La Roma è in piena tournée estiva di amichevoli nell’Albufeira. La squadra giallorossa è reduce dalla seconda vittoria per 2-0 in Portogallo, ancora una volta in vetrina Nicolò Zaniolo. Mentre il futuro del numero 22 potrebbe tradursi in una permanenza a Trigoria, la Juventus non ha ancora presentato l’offerta decisiva, il nome che stuzzica in entrata è quello di Paulo Dybala, con un possibile testa a testa con il Napoli di Spalletti. Ma il lavoro di Tiago Pinto è volto anche al nodo esuberi, sono ancora in tanti con le valigie in mano in attesa di un addio imminente.

Calciomercato Roma, doppio incontro per Pinto: ultimo ostacolo

calciomercato Roma
Amadou Diawara ©LaPresse

Tra i tanti con le valigie in mano uno dei nomi più caldi torna ad essere quello di Amadou Diawara. Il mediano guineano, ex Bologna e Napoli, non ha mai visto il campo nella seconda metà di stagione e non è stato integrato al ritiro pre-stagionale dei giallorossi. Ma il suo futuro potrebbe tingersi degli stessi colori, però nel campionato turco. Il Galatasaray ha alzato il pressing per raggiungere un accordo con Tiago Pinto. Come riportato dal sito turco Fanatik.com, nella scorsa settimana c’è stato un doppio incontro tra il gm della Roma e la società di Istanbul. L’unico ostacolo per la firma resta la formula d’ingaggio del centrocampista, i turchi premono per un diritto di ricatto in proprio favore mentre Pinto è deciso ad inserire l’obbligo di acquisto del cartellino dopo una prima stagione in prestito.