Calciomercato Roma, rifiuta tutto: Pinto usa il pugno duro

Il general manager della Roma ha ingaggiato il braccio di ferro con il giocatore che vuole solo una destinazione in questo calciomercato

Nella vita non sempre tutto va come ci si aspetta, tantomeno nel calciomercato. Questo, infatti, muta molto più velocemente rispetto alle altre cose, soprattutto in questo ultimo mese di trattative. Al termine di agosto ci sarà il gong finale che chiuderà il mercato e al Roma per quel giorno dovrà avere la squadra al completo bella pronta. Quest’anno, infatti, chiudere il prima possibile tutte le trattative è fondamentale anche in vista del campionato che inizia prima. Il 14 agosto, infatti, la Roma scende in campo contro la Salernitana alle 20.45 orario che sancirà l’inizio della seconda stagione di Mourinho sulla panchina della Roma.

Calciomercato Roma
Tiago Pinto, general manager della Roma ©Asromalive.it

Lo Special One vorrebbe ancora rinforzare la rosa dopo gli innesti di Paulo Dybala e Georginio Wijnaldum, a cui vanno aggiunti Mile Svilar, Nemanja Matic e Zeki Celik. Per tutti questi Pinto ha speso solamente 7 milioni, considerando che l’olandese è in prestito, e nonostante questo deve vendere. Il primo obiettivo è quello di sfoltire una rosa satura di esuberi. Per questo, il general manager giallorosso si sta dando da fare per vendere gli inutilizzati. I più indiziati a lasciare la Capitale nel breve periodo sono Justin Kluivert, Eldor Shomurodov, Gonzalo Villar e Carles Perez, con Jordan Veretout che è approdato al Marsiglia. L’ex Barcellona piace molto in Spagna, dove il Celta Vigo vuole prenderlo per rinforzare l’attacco.

Calciomercato Roma, Perez vuole solo il Celta Vigo: braccio di ferro di Pinto

Calciomercato Roma
Carles Perez, attaccante della Roma ©LaPresse

Secondo quanto riporta Il Tempo, Perez avrebbe rifiutato tutte le offerte ricevute sia dall’Italia che dall’estero. Nei suoi piani c’è solo il Celta Vigo che, però, lo vuole prendere in prestito con diritto di riscatto. Pinto sta spingendo per inserire almeno l’obbligo nella trattativa, ma gli iberici sembrano inamovibili. Per questo motivo, il general manager potrebbe ingaggiare il braccio di ferro con il club. Per accelerare la trattativa, poi, l’ex azulgrana potrebbe allenarsi fuori rosa come gli altri giocatori che sono in vendita, in modo da aumentare la pressione spingerlo a far accettare le condizioni del braccio destro di Mou.