domenica, 5 Luglio, 2020
Home Blog

Napoli-Roma, i convocati: torna Zaniolo, ci sono Lopez e Mancini

Napoli-Roma, la lista dei calciatori convocati da Fonseca: tornano Pau Lopez e Mancini, ma la notizia più bella è quella su Zaniolo.

Napoli-Roma
Niccolò Zaniolo (Getty Images)

In questo periodo così difficile finalmente una bella notizia. Nella lista dei calciatori convocati dall’allenatore Paulo Fonseca per la partita Napoli-Roma in programma domani sera alle 21:45 allo stadio San Paolo torna finalmente Nicolò Zaniolo.

Dopo le tante assenze contro la Spal, Fonseca ritrova calciatori importanti che proveranno a dare un aiuto in questo momento così difficile. Scontata la squalifica torneranno Pellegrini e Veretout, c’è anche Mancini.

Assenti invece Juan Jesus, Cetin e Bruno Peres, quest’ultimo per scelta tecnica.

La lista dei convocati
Portieri: Pau Lopez, Fuzato, Mirante.
Difensori: Zappacosta, Smalling, Kolarov, Santon, Fazio, Mancini, Spinazzola, Ibanez.
Centrocampisti: Cristante, Pellegrini, Villar, Veretout, Zaniolo, Pastore, Diawara, Mkhitaryan.
Attaccanti: Dzeko, Under, Kalinic, Carles Perez, Kluivert.

Calciomercato Roma, una big di Serie A su Fonseca

Napoli-Roma, Fonseca: “La squadra non è stanca. Mai sentito abbandonato dalla società”

paulo fonseca europa league
@Getty Images

NAPOLI-ROMA CONFERENZA STAMPA FONSECA – Il tecnico giallorosso alla vigilia della sfida contro i partenopei presenta la sfida in programa domani sera allo Stadio San Paolo contro la compagine guidata da Gennaro Gattuso.

Dichiarazioni Fonseca

Ogni volta che un centrocampista della Roma perde palla succede una catastrofe, molto campo per la transizione avversaria. Come sta analizzando questo problema? Difesa a 3 una soluzione?
Come ho detto sempre, abbiamo sempre lavorato a due sistemi, possiamo giocare con difesa a 3 o a 4. Devo dire che la questione della marcatura preventiva non è stato un problema in queste prime due partite. Contro l’Udinese si ma avevamo un giocatore in meno. Se vediamo la partita, iniziamo sempre a 3+1, ma ripeto era diverso perche giocavamo in 10.

Questione gol, in questo momento i più vivaci sembrano Carles Perez e Mkhitaryan, nelle gerarchie sono più avanti per le scelte di Napoli?
Vediamo domani, penso che Dzeko giocherà visto che non ha giocato l’altra partita. Penso che Miki è un’opzione forte, vediamo come sta Carles. Ha giocato bene e ha corso molto, ma bisognerà vedere come sta fisicamente. Abbiamo giocato solo due giorni fa.

La squadra ha smesso di giocare dopo le voci sul passaggio di proprietà del 30 dicembre. C’è una relazione?
No, per me no. Nessuna relazione

Crede che il suo bilancio sia in linea con le aspettative iniziali della società?
Ho parlato prima della partita con l’Udinese. Il bilancio lo si fa alla fine della stagione. Abbiamo 9 partite di campionato più l’Europa League. Non è il momento di fare il bilancio.

Prima del’Udinese aveva detto, il futuro non mi interessa, la partita più importante è questa. Poi ha cambiato 8 uomini rispetto a Milano, lasciando fuori Dzeko. Ci può spiegare meglio la sua scelta?
Io ho cambiato giocatori che hanno giocato sempre, non quelli che non hanno mai giocato. Perché ho fiducia in tutti i giocatori, per questo ho cambiato. Dopo la partita gli ho parlato. Non si può pensare ad una sola partita con questi ritmi.

Il lavoro degli allenatori prevede momenti in cui si è in discussione. Saprebbe indicare un errore specifico che pensa di aver commesso?
Faccio sempre l’analisi dopo la partita, quando vinciamo non è tutto bene, quando perdiamo non è tutto male. In questo momento l’importante è trovare soluzioni per i problemi che abbiamo avuto nelle ultime due partite. Questo io devo fare, trovare soluzioni per migliorare la squadra.

E’ vero che i ragazzi le hanno confermato di sentirsi stanchi?
No, non è vero.

Sta pensando a qualche cambio di sistema o soluzioni come Mancini a centrocampo?
Abbiamo la possibilità di giocare sempre in due sistemi, vediamo domani.

Visti i risultati attuali si sente in discussione? Le manca il supporto della società? Si sente abbandonato?
No, ho sentito sempre il supporto della società, del presidente, di tutto il club. Mai sentito abbandonato dalla società.

Ha avuto modo di sentire il presidente personalmente?
E’ normale che quando non vinciamo siamo arrabbiati. Io ero molto arrabbiato dopo l’ultima partita. E’ una situazione normale.

In queste prime giornate dopo la ripresa con il passare dei minuti si è allungata come posizione media in campo, da cosa dipende questo?
Ho parlato ai ragazzi dopo la Sampdoria che abbiamo avuto questo problema, la squadra non era molto corta. Penso che in queste due partite però la lunghezza della squadra non è stato un problema, abbiamo altri problemi.

In questo momento di difficoltà, l’allenatore della Roma cosa si sente di dire ai tifosi?
Che dobbiamo lavorare, questo non è un momento di pensare che tutto va male. Dobbiamo lavorare, ho sentito sempre il supporto dei tifosi, è normale che dopo queste due partite non sono soddisfatto, come io di me stesso. Dobbiamo giocare per vincere, giocare per vincere, giocare con cattiveria per i nostri tifosi.

Sulla gara di domani. Sarà un Napoli diverso, che differenze ci sono tra quello di Ancelotti e quello di Gattuso e che partita sarà domani?
E’ la squadra con più fiducia, diversa da quella che abbiamo affrontato qui. Sta bene, sta giocando bene, hanno perso quest’ultima partita contro l’Atalanta ma ci aspetta una squadra forte.

Napoli-Roma, Gautieri esorta Fonseca: “Serve forza per uscire dalla crisi”

Napoli-Roma, parola al doppio ex Gautieri che esorta l’allenatore giallorosso Fonseca: “Serve forza per uscire dalla crisi”.

Gautieri
Gautieri (Getty Images)

Nel consueto spazio radiofonico di Febbre da Roma, Danilo Conforti e Riccardo Filippo Mancini hanno intervistato Carmine Gautieri, attuale allenatore della Triestina ed ex giocatore di Roma e Napoli. Queste le sue dichiarazioni. 

Qual è il suo pensiero sulla ripartenza della Serie A e come vede la lotta per la Champions?
La ripartenza è stata strana, le prime partite non sono state belle da vedere, c’è stata diffociltà fisica e tecnica. Ci sono stati grandi campioni che hanno avuto difficoltà ad esprimersi. Per quanto lo scudetto se la giocano Juventus e Lazio, mentre in Champions l’Atalanta continua il cammino che aveva intrapreso. Per la retrocessione ci sono 5 o 6 squadre che stanno lottando. È un campionato anomalo, c’è poco entusiasmo attorno al calcio adesso. L’anno prossimo ci riprendiamo il calcio che amiamo, che ad oggi non c’è.

Lei che è ex Roma e Napoli, come vede la partita di domenica tra queste due squadre? La Roma viene da due sconfitte, il Napoli ha perso l’ultima con l’Atalanta ma sembra in crescita, basti pensare alla vittoria della Coppa Italia. Che partita si aspetta? 
Napoli-Roma è sempre una bella partita da disputare. La Roma è certamente una squadra ferita, mentre il Napoli viene dal successo in Coppa Italia. Sarà una partita tra due squadre tecniche, due squadre che vogliono fare risultato, ma non so se assisteremo ad una bella partita a causa della condizione fisica scadente. Poi gli episodi e i campioni potranno fare la differenza. 

Fabio Capello, parlando con mister Fonseca, ha consigliato al tecnico portoghese di non ascoltare le radio romane. Lei si sente di dare qualche suggerimento al tecnico portoghese per quanto riguarda la gestione delle emittenti radiofoniche? 
Mi sento di dire che le radio, seppur in modo minore, ci sono dappertutto, e chi fa questo mestiere deve saper affrontare, subire e gestire determinate cose. Non è questione di ascoltare le radio o meno, magari potessi allenare io la Roma. Potrei anche avere 200 radio addosso, io penso che chi allena la Roma è un privilegiato. Fonseca è un allenatore forte e secondo me deve ascoltare le radio ma andare avanti sulla propria strada. Ad oggi anche i social creano danni, ma l’importante è che la società non si faccia prendere dai commenti dei tifosi, che a volte possono essere massacranti. Le persone intelligenti non devono andare dietro a queste cose. Bisogna solo lavorare con serietà e professionalità per ottenere i risultati.

Calciomercato Roma, una big di Serie A su Fonseca

Roma
Fonseca (Getty Images)

Parlando del Napoli, ricordiamo tutti il periodo di crisi con Ancelotti. Poi con l’avvento di Gattuso tutto è cambiato. Crede che lui possa essere l’allenatore giusto per questa squadra?
L’allenatore giusto può essere chiunque se dietro c’è una società stabile che anche nei momenti di crisi resta razionale. Oggi è facile parlare bene di Gasperini, ma ricordiamoci che all’inizio del percorso aveva inanellato 5 sconfitte consecutive, ma a Bergamo sono restati equilibrati e gli hanno dato fiducia. In un’altra situazione l’avrebbero mandato via. Anche Sarri all’inizio a Napoli non era andato bene, ma aveva comunque la fiducia della società. Gattuso se nei momenti di difficoltà verrà protetto, potrà diventare un allenatore forte. Io a Livorno ero terzo in classifica a 3 punti dalla Serie A diretta e dopo una sconfitta sono stato mandato via. 

Quanto può influire una situazione societaria come quella della Roma sul lavoro di Fonseca? 
Influisce tanto, specialmente per un allenatore alla prima esperienza in un campionato come quello italiano. Fonseca dovrà essere molto forte per uscire da questa crisi. Lo scorso anno sono stato diverse volte a Trigoria a trovare Di Francesco, anche lui stava facendo un lavoro straordinario, ma appena sono iniziate le difficoltà è stato subito messo in discussione e poi è arrivato l’esonero.

De Rossi-Fiorentina, la risposta del club viola e del presidente Commisso

daniele de rossi
@getty images

NOTIZIE FIORENTINA DE ROSSI RISPOSTA COMMISSO – Il patron del club viola, tramite un comunicato apparso sul sito ufficiale della Fiorentina ha risposto alle voci, ai rumors, che in queste ultime ore davano per fatto l’arrivo di Daniele De Rossi sulla panchina del club toscano dalla prossima stagione.

LEGGI ANCHE Fonseca in bilico? Ecco la risposta del presidente James Pallotta

Il comunicato della Fiorentina

In riferimento alle recenti notizie rilasciate dai media sportivi, è intervenuto dall’America il Presidente della Fiorentina Rocco Commisso che ha così commentato: ‘Leggo e vedo ogni giorno sui media un nuovo mister o nuovi giocatori in arrivo alla Fiorentina. Fino all’altro ieri tutti davano per già fatta la scelta su un nuovo allenatore, ieri sera invece è stato presentato come scelta mia e della Società un ennesimo nuovo mister. Al mio arrivo durante il calcio mercato avevo già detto come ero stupito di tutte le Fake News che leggevo o sentivo. In questa parte della stagione, per noi così importante e delicata, ritengo che chi continua a fare uscire mie scelte per sostituire una persona o un’altra, faccia solo del male alla Fiorentina e ai suoi tifosi“.

LEGGI ANCHE Napoli-Roma, Fonseca cambia ancora formazione

“Io non ho avuto nessun tipo di contatto, mail o telefono o di persona, con nessuno e siccome tutti sanno che la decisione finale è sempre la mia, è incredibile che continuino a uscire queste Fake News. Chi non vuole bene alla Fiorentina e ai suoi tifosi sta cercando di destabilizzare l’ambiente, ma noi siamo uniti e continueremo per la nostra strada, fino alla fine della stagione”.

LEGGI ANCHE Roma, difesa a tre come soluzione: ecco come giocherebbe

“Poi come ho sempre detto, verrà il momento di tirare le somme e fare le scelte per il prossimo campionato, ma oggi continuiamo come ha dichiarato anche ieri Joe Barone, solo a pensare a chiudere nel migliore modo possibile questa stagione con il massimo impegno di tutti e dando il nostro totale supporto al tecnico, allo staff e ai giocatori”.

Fonseca in bilico? Ecco la risposta del presidente James Pallotta

Roma
Fonseca (Getty Images)

NOTIZIE AS ROMA FUTURO FONSECA DICHIARAZIONI PALLOTTA – La doppia sconfitta per 2-0 contro Milan (in trasferta) e Udinese (in casa), con zero gol fatti nelle ultime due partite, ha iniziato a far traballare la panchina di Paulo Fonseca. Come ci sta passando ora il tecnico giallorosso, ci sono passati i vari Luis Enrique, Zeman, Rudi Garcia, Luciano Spalletti e altri della gestione americana e non.

LEGGI ANCHE Roma, difesa a tre come soluzione: ecco come giocherebbe

LEGGI ANCHE Napoli-Roma, Fonseca cambia ancora formazione

Pallotta sul futuro di Fonseca

James Pallotta
James Pallotta @Getty Images

Intanto sul futuro del tecnico portoghese ha voluto precisare il patron giallorosso, James Pallotta, che tramite il proprio profilo Twitter ha confermato ufficialmente l’allenatore: “Il futuro di Paulo Fonseca non è in dubbio. Lui ha tutto il mio massimo supporto”, concludendo il tweet con un “Forza Roma”.

Verso Napoli-Roma

Domenica sera al San Paolo alla squadra giallorossa spetterà una partita davvero difficile contro i partenopei di Gattuso reduci dal ko di Bergamo per 2-0 contro l’Atalanta, che ha portato la compagine di Gasperini a +12 dalla Roma, che vale l’ipoteca dell’accesso alla prossima fase a gironi di Champions League

Roma, difesa a tre come soluzione: ecco come giocherebbe

La Roma potrebbe cambiare modulo e passare già ad una difesa a tre? Non è una soluzione da escludere a priori in questo finale di campionato. I giallorossi sono in affanno e devono conservare a tutti i costi il quinto posto, dopo aver fallito l’assalto al quarto.

Roma
Edin Dzeko (Getty Images)

Paulo Fonseca sta cercando soluzioni per questo momento difficile e ieri – come riportato dalla Gazzetta dello Sport – ha avuto un confronto diretto con i suoi uomini, con l’obiettivo di capirne di più sul perché la squadra abbia avuto questa involuzione. giocatori giallorossi avrebbero ammesso di sentirsi stanchi dal punto di vista fisico, mettendo in discussione la preparazione atletica. E avrebbe chiesto all’allenatore nuove soluzioni tattiche per far sì che la difesa fosse maggiormente protetta.

Per questo motivo potremmo vedere magari una Roma schierata a tre in difesa, soluzione tattica della quale si è parlato anche nelle scorse settimane. Ma come verrebbe schierata la squadra oggi con gli uomini che il portoghese ha a disposizione?

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, una big di serie A su Fonseca

La possibile formazione della Roma con la difesa a tre

Ipotizzando una Roma in campo con il 3-4-2-1 già contro il Napoli, visto che serve dare maggiore protezione alla difesa, davanti al portiere Mirante dovrebbero giocare Mancini, Fazio e Smalling. A centrocampo i due esterni sarebbero Zappacosta e Kolarov, mentre in mezzo sicuramente troverebbero spazio Veretout e Cristante. Quindi la soluzione del doppio trequartista che taglierebbe fuori i tanti esterni offensivi di Fonseca. Sarebbero Mkhitaryan e Pellegrini a giocare a supporto di Dzeko.

Difficile pensare che un cambiamento così importante nel sistema di gioco possa avvenire nel giro di pochissimi giorni, per cui nel caso Fonseca cambierà modulo si affiderà probabilmemte al 4-1-4-1 con Fazio destinato (guardando alla formazione del 3-4-2-1) a quel punto destinato a lasciare il posto a Perez a destra, con Cristante mediano davanti alla difesa e Pellegrini in mediana con Veretout.

LEGGI ANCHE –>De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore nella prossima stagione

Napoli-Roma, Fonseca cambia ancora formazione

Napoli-Roma ormai è dietro l’angolo e arriva in un momento davvero complicato per i giallorossi di Paulo Fonseca. Le ultime due sconfitte consecutive non solo hanno fatto dire addio al quarto posto, ma adesso mettono a serio rischio anche il quinto, quello che consente di giocare in Europa League.

Roma

Una crisi di gioco e di risultati quella della Roma, che affronterà proprio la rivale più pericolosa nel prossimo turno, ovvero il Napoli di Rino Gattuso. Che dopo aver vinto in Coppa Italia, anche in campionato ha risalito la china fino a scontrarsi con l’imbattibile Atalanta di Gasperini.

Paulo Fonseca adesso dovrà dimostrare di non aver perso il timone della squadra. Ha tante alternative e dunque dovrà sfruttare al meglio l’ampiezza del suo organico, schierando solamente calciatori motivati e vogliosi di far bene. Si prevedono dunque nuovamente ancora cambi di formazione rispetto al ko casalingo contro l’Udinese.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, una big di serie A su Fonseca

Roma, contro il Napoli tornano Pellegrini e Veretout

Contro il Napoli i giallorossi ritroveranno Pellegrini e Veretout, che tornano a disposizione dopo aver scontato un turno di squalifica. Entrambi dovrebbero essere titolari. In porta conferma per Mirante visto che Pau Lopez non ha ancora recuperato bene, in difesa ancora chance per Zappacosta a destra con Kolarov a sinistra e Mancini al fianco di Smalling.

A centrocampo con Veretout dovrebbe esserci Cristante, visto il momento no di Diawara, mentre in attacco tornerà Edin Dzeko. Impossibile rinunciare a lui. Dietro al bosniaco Pellegrini e Mkhitaryan sembrano sicuri del posto, l’ultima magliam dovrebbe finire sulle spalle di Carles Perez.

LEGGI ANCHE –>De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore nella prossima stagione

Roma, confronto tra Paulo Fonseca e i giocatori: si cambia modulo?

Roma, cosa sta succedendo? E’ la domanda che si fanno i tifosi giallorossi, che dalla ripresa delle ostilità si aspettavano ben altro. Il sogno del quarto posto è svanito in una bolla di sapone dopo appena tre partite.

during the Serie A match between AS Roma and Udinese Calcio at Stadio Olimpico on July 2, 2020 in Rome, Italy.

L’Atalanta viaggia spedita come un treno, la Roma invece è ferma sulle gambe, e come un pugile in difficoltà adesso incassa i colpi con la speranza che il gong suoni al più presto. C’è almeno il quinto posto da tenersi stretto, quello che manda in Europa League. Da dietro però Napoli e Milan stanno arrivando, dunque è il momento di rimettersi in moto.

Fonseca, pure lui a rischio in questo periodo, si trova però di fronte una squadra a rischio demotivazione. Perché consapevole che a fine stagione ci saranno tanti cambiamenti e per molti giocatori sarà il tempo di preparare i bagagli e trasferirsi altrove. Per scendere in campo ci vuole “fame” e finora in pochi hanno dimostrato di averne da quando si è tornati a giocare.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, una big di serie A su Fonseca

Roma, confronto tra Fonseca e i giocatori

Come riporta la Gazzetta dello Sport, ieri è andato in scena un faccia a faccia tra Paulo Fonseca e i suoi calciatori, con l’obiettivo di cercare i problemi del momento e magari trovarne soluzione. I giocatori giallorossi avrebbero ammesso di sentirsi stanchi dal punto di vista fisico, mettendo in discussione la preparazione atletica. E avrebbe chiesto all’allenatore nuove soluzioni tattiche per far sì che la difesa fosse maggiormente protetta. Per questo non si esclude un passaggio al 4-1-4-1 o al 3-4-1-2.

LEGGI ANCHE –>De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore nella prossima stagione

Calciomercato Roma, nuova idea di scambio con la Juventus: Inter beffata

Calciomercato Roma, nuova idea di scambio con la Juventus: Dzeko piace a Sarri, i bianconeri pronti a offrire Romero o Bernardeschi.

Calciomercato Roma

L’obiettivo qualificazione alla prossima Champions League è ormai tramontato. A rischio c’è anche l’Europa League. I conti sono in rosso, il presidente Pallotta non vende la società e così un ridimensionamento è inevitabile. Il calciomercato della Roma sarà complicato, e i sacrifici non sono da escludere.

Uno dei calciatori in discussione è Edin Dzeko. Nonostante il rinnovo della scorsa stagione e le sue dichiarazioni d’amore per la città, l’ingaggio pesa troppo sul bilancio della Roma. E se arriverà l’offerta giusta si proverà a convincerlo a partire. L’interesse dell’Inter nei suoi confronti è noto dallo scorso anno, ma non si è mai riusciti a trovare un punto di incontro da offerta e domanda. E così ecco che si inserisce un’altra squadra di Serie A.

Calciomercato Roma, una big di Serie A su Fonseca

Calciomercato Roma
Dzeko @Getty Images

Calciomercato Roma, c’è anche la Juventus su Dzeko

Secondo quanto riportato da Tuttosport, ci sarebbe anche la Juventus su Edin Dzeko.

I dirigenti bianconeri sono a caccia di un nuovo attaccante centrale, erede di Gonzalo Higuain ormai in uscita. Milik e Gabriel Jesus gli obiettivi principali, senza dimenticare Jimenez del Wolverhampton. Occhio però alla soluzione Dzeko, che piace a Sarri e sarebbe una torre ideale per Cristiano Ronaldo e Dybala.

La Juventus potrebbe provare ancora la via dello scambio con la Roma, mettendo sul piatto il difensore Romero attualmente al Genoa e l’attaccante esterno Bernardeschi che era già stato proposto per Zaniolo.

Roma, Fonseca a rischio: può tornare Spalletti?

La Roma sta vivendo un momento davvero buio. La squadra di Paulo Fonseca ormai ha detto definitivamente addio al quarto posto e anzi adesso dovrà anche stare attenta. Perché il Napoli e il Milan stanno tornando sotto e si rischia di perdere anche la quinta piazza.

Roma

Europa League dunque a serio rischio per una squadra che sembra aver perso anche convinzione. Di sicuro le continue voci sulla necessità di sfoltire l’organico non aiutano, ci sono tanti giocatori che a questo punto della stagione potrebbero non avere grandi motivazioni per far bene, considerato che a breve dovranno fare le valigie.

E allora nel mirino adesso c’è finito Paulo Fonseca. L’allenatore giallorosso, che pure in questo periodo della stagione ha tante alternative nella sua squadra, non sta riuscendo a trovare il bandolo della matassa. Sta cambiando ripetutamente le carte in tavola, ma la sua Roma continua a incassare troppi gol e a perdere.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, una big di serie A su Fonseca

Roma, Spalletti potrebbe tornare ancora

Negli ultimi giorni dunque sono aumentate le possibilità di un divorzio con il portoghese alla fine di questa stagione, cosa che però porterebbe ad una nuova rivoluzione tecnica.

Il giornalista Nicolò Schira evidenzia su Twitter come Franco Baldini non sia soddisfatto della gestione di Fonseca e per questo motivo a fine stagione, se non arriveranno i risultati sperati, si potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di cambiare allenatore. Con Luciano Spalletti che sarebbe a quel punto il favorito per tornare in panchina. Per lui sarebbe la terza esperienza in giallorosso.

LEGGI ANCHE –>De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore nella prossima stagione

Cessione Roma, Pallotta per adesso resta al timone

La questione della cessione Roma è ormai un argomento dibattuto da mesi tra i tifosi giallorossi. E non sembrano esserci delle novità importanti a riguardo nel breve termine.

Roma
Il presidente della Roma James Pallotta (Getty Images)

La trattativa con Dan Friedkin vive una fase di stallo. L’offerta dell’imprenditore per acquisire la Roma è ferma a 585 milioni di euro. Una somma che Pallotta non ha ritenuto adeguata per dare il via libera alla cessione. Non è da escludere che Friedkin possa tornare alla carica nelle prossime settimane, ma per il momento non ci sono novità a riguardo.

Gli ultimi risultati della Roma hanno fatto aumentare la preoccupazione tra i tifosi e lo testimoniano anche gli striscioni rivolti proprio a James Pallotta. In estate bisognerà cedere e i supporters giallorossi non vogliono che siano ceduti i gioielli della squadra, sopratutto Zaniolo e Pellegrini.

LEGGI ANCHE –>>Calciomercato Roma, una big di serie A su Fonseca

Cessione Roma, Pallotta attende lo stadio

Come riporta La Gazzetta dello Sport, nel frattempo Pallotta sta cercando dei nuovi soci e Goldman Sachs avrebbe proposto la Roma a Micky Arison, proprietario dei Miami Heat. Tuttavia da Trigoria hanno smentito che possa essere lui a prendere il posto di Pallotta.

L’attuale presidente dunque potrebbe rimanere in sella al club capitolino, considerato anche che a luglio potrebbe finalmente sbloccarsi l’iter dello stadio a Tor di Valle. Con il via libera per costruire lo stadio ci sarebbero probabilmente più possibilità di attirare soci nella società giallorossa.

LEGGI ANCHE –>De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore nella prossima stagione

De Rossi alla Fiorentina: sarà l’allenatore per la prossima stagione

De Rossi alla Fiorentina, i viola hanno scelto l’allenatore per la prossima stagione: si tratta dell’ex capitano della Roma.

Daniele De Rossi
Daniele De Rossi @getty images

Daniele De Rossi inizierà ufficialmente la sua avventura da allenatore nella prossima stagione. Niente ritorno a Roma, però. Nei mesi passati si era parlato di un suo possibile ritorno in giallorosso, come allenatore della Primavera al posto del padre. Niente di tutto questo.

Secondo quanto riferito da Sky Sport e dal giornalista esperto di calciomercato Gianluca Di Marzio, Daniele De Rossi sarà l’allenatore della Fiorentina nella prossima stagione. La posizione di Iachini dopo gli ultimi risultati negativi era in bilico e si era parlato dell’ingaggio di Luciano Spalletti, tuttora sotto contratto con l’Inter. E invece arriva la mossa a sorpresa: Iachini resterà fino alla fine della stagione, se tutto andrà bene, e avrà il compito di portare al più presto in salvo la Fiorentina. Poi potrebbe iniziare la nuova era.

Calciomercato Roma, una big di Serie A su Fonseca

florenzi biraghi
@getty images

De Rossi alla Fiorentina: in viola anche Florenzi?

E chissà che non ci sia l’ex Roma e Boca Juniuors dietro la trattativa che vede Alessandro Florenzi in trattativa con la Fiorentina.

Oggi nel centro sportivo della Fiorentina c’è stato l’incontro tra i dirigenti viola e Alesssandro Lucci, agente dell’ex capitano giallorosso. Il procuratore ne ha parlato con Pradè e Barone. La trattativa è destinata a decollare anche se sul calciatore c’è anche l’interesse dell’Atalanta di Gasperini, che metterebbe sul piatto lo scambio con il portiere Gollini. Che potrebbe interessare in caso di cessione all’estero di Pau Lopez, che sembra sacrificabile.

L’eventuale arrivo a Firenze di De Rossi però farebbe molto probabilmente scegliere il viola a Florenzi. Se ne saprà di più nei prossimi giorni.

Calciomercato Roma, dall’Uruguay: si chiude per Cavani

Un nuovo capitolo del calciomercato Roma arriva nuovamente dall’Uruguay e riguarda uno dei giocatori che sarà maggiormente cercati durante la prossima estate, vale a dire Edison Cavani.

Calciomercato Roma
Cavani @Getty Images

Il giornalista uruguaiano Sebas Giovanelli infatti riporta una voce che potrebbe infiammare la tifoseria giallorossa proprio in questi giorni nei quali invece la squadra di Fonseca è in grande affanno e ha già detto addio alla Champions League.

Giovanelli scrive su Twitter, tradotto ovviamente in italiano: “Mentre Cavani riflette e discute le opzioni con il suo agente Fernando Guglielmone, la società di investimento internazionale rappresentata in Uruguay da Gaston Fernandez, chiuderebbe l’operazione a Roma tra martedì e mercoledì prossimo”. Insomma Cavani sarebbe davvero ad un passo dal vestire il giallorosso, ma sarà davvero così?

LEGGI ANCHE –>Voti Roma-Udinese 0-2, molti bocciati tra i giallorossi

Calciomercato Roma, Cavani bomber di caratura internazionale

Anche se non è più giovanissimo, è logico che il nome di Cavani è di quelli che entusiasmano il pubblico. In giro per l’Europa ci sono pochi centravanti che hanno realizzato il suo numero di reti. Un vero e proprio predatore d’area di rigore, con un fiuto del gol straordinario. Si svincola dal Psg e rappresenta una occasione assolutamente da non perdere per chi sta cercando un centravanti di grande spessore e caratura internazionale.

Calciomercato Roma, la Juventus chiude l’affare: c’è lo zampino di Raiola

Calciomercato Roma, la Juventus è a un passo dall’ingaggio del giovane terzino sinistro della Roma Riccardo Calafiori, seguito da Mino Raiola.

Calciomercato Roma
Mino Raiola (Getty Images)

La Roma sta per perdere, secondo quanto riportato da Sportmediaset, uno dei suoi giovani di maggiore talento e prospettiva: Riccardo Calafiori. Il talentuoso terzino sinistro della Primavera giallorossa, considerato l’erede di Kolarov, è destinato alla Juventus.

In scadenza di contratto nel 2021, il suo procuratore Mino Raiola non ha trovato l’intesa con i dirigenti giallorossi per il suo rinnovo. E così visto il rischio di perderlo a parametro zero alla fine della prossima stagione, potrebbe arrivare la cessione che secondo le fonti di Sportmediaset sarebbe imminente.

Calciomercato Roma, una big di Serie A su Fonseca

Calciomercato Roma
Riccardo Calafiori (Getty Images)

Calciomercato Roma, Calafiori è vicino alla Juventus

Il romano Riccardo Calafiori, che lo scorso 18 maggio ha compiuto 18 anni, potrebbe così lasciare il club in cui è cresciuto e con cui ha conquistato anche la convocazione nelle nazionali italiane giovanili. Calafiori vanta infatti quindici presenze tra Under 15, Under 16, Under 17 e Under 19. Un predestinato, non a caso seguito con attenzione dai top club europei tra cui anche il Psg.

E questo nonostante il brutto infortunio che sembrava mettergli a rischio la carriera nel 2018. In un’intervista dello scorso mese di ottobre Calafiori aveva espresso il suo desiderio di esordire con la maglia della prima squadra della Roma. “La Roma per me è tutto. È un insieme di amore, sogni, sacrifici, passione ed emozioni. Roma è casa mia, vorrei restarci per sempre. Ogni tanto penso a quanto sarebbe bello segnare e correre sotto la Curva per abbracciare i tifosi”.

Se le indiscrezioni di Sportmediaset verranno confermate, le cose andranno diversamente. E dopo Luca Pellegrini, poi fischiato dai tifosi all’Olimpico, un altro giovane potrebbe andare alla Juventus.